Epicuro: «La divinità o vuol togliere i mali e non può o può e non vuole o non vuole né...»

La divinità o vuol togliere i mali e non può o può e non vuole o non vuole né può o vuole e può. Se vuole e non può, è impotente; e la divinità non può esserlo. Se può e non vuole è invidiosa, e la divinità non può esserlo. Se non vuole e non può, è invidiosa e impotente, quindi non è la divinità. Se vuole e può (che è la sola cosa che le è conforme), donde viene l'esistenza dei mali e perché non li toglie?

Epicuro, frammento 374

Epicuro: «La divinità o vuol togliere i mali e non può o può e non vuole o non vuole né...»